GLI INDUMENTI DEL RITO
a cura di Enoch S.I.I. Gran Cerimoniere dell'Ordine

L'alba
L'alba è una tunica di lino o cotone di colore bianco.
Il martinista è tenuto a indossare questo indumento quando è chiamato a operare ritualmente.
Esso ricorda il primitivo stato, prima della caduta adamitica, in cui l'uomo, Adam, era in possesso delle primitive potenze e virtù spirituali e divine, che si manifestavano con quello che comunemente chiamiamo corpo di gloria: oggi, faticosamente da ricostruire. Se l'alba è indossata con questo stato di coscienza per tutta la durata delle operazioni, non farà dell'uomo che se ne riveste solo un monaco (al martinista è associato anche il nome di combattente) ma anche un risvegliato; per introdursi a ciò bisognerà essere consapevoli che non è la tunica a far trasformare l'uomo che la indossa, ma è l'uomo a operare questa trasformazione di se stesso, mediante l'utile strumento della veste; dal semplice uso di questo costume scopriamo che tutto l'iter martinista dev'essere inteso come un volgersi all'interno di se stessi, un continuo esser presenti a se stessi proprio in vista della nostra reintegrazione nelle primitive virtù e potenze spirituali e divine...
Ma è sufficiente, ci si potrebbe chiedere, che il semplice indossare l'alba con tale presenza a se stessi può essere efficace per la faticosa risalita? La risposta è che può essere vero in parte e che in effetti esistono casi rarissimi di autoiniziazione; ma la storia e la casistica ci impongono di avvisare gli sprovveduti ch'è doveroso usare somma prudenza in queste accelerazioni dell'anima : ci si potrebbe trovar impastoiati nelle paludi della stasi e delle depressioni, che possono confinare con la disperazione...
Ancora: l'alba che indosserà il martinista, se visibilmente sarà composta d'un tessuto bianco, invisibilmente avrà uno spettro molecolare sensibilmente diverso dal comune: essendo stata consacrata ritualmente dal sacerdote dell'Ordine o Superiore Incognito, avrà la particolarità d'esser in sé separata: sacra, possedendo dei vettori d'energia incomparabilmente superiori alla norma. E questo implica una marcia in più per chi userà questo strumento, marcia in più che è stata comunque affidata a chi già ha avuto l'iniziazione martinista, che è un'iniziazione reale, cioè la trasmissione reale di un potere spirituale da un uomo ad un altro uomo mediante un rituale tradizionale; e ciò per evitare dei danni irreparabili.
Perché questo indumento è bianco?
Perché il bianco rappresenta la sintesi dei sette colori dell'arcobaleno: li racchiude, li amplia, ed indica già al neofita la strada alla quale è diretto: verso la luce, or (in ebraico). E non solo, il bianco ricollegandoci alla purezza, ci riporta alla memoria storica del nostro primitivo stato innocenziale dell'Adamo dei primordi: l'Adam Kadmon.

PURIFICAMI CON ISSOPO E SARÒ NETTO,
LAVAMI E SARO' PIÚ BIANCO DELLA NEVE
(Salmo 51)

Ciò indica un asserto fondamentale: che la purificazione è il fondamento di tutta l'operatività martinista, con o senza alba: l'alba comunque ce lo ricorda, e chi è in grado sa indossarla sempre.
L'azione rituale di colui che è purificato o avviato alla purificazione è diametralmente opposta a quella del non purificato; per questo c'è, a partire dal primo grado, nell'operatività dell'Ordine, il cosiddetto rito del novilunio (rito massimo di purificazione), senza aver effettuato il quale ogni operatività martinista è preclusa per tutta la lunazione.

Il cordone
Se il martinista è solo un monaco è sufficiente utilizzare l'alba, come detto. Essendo anche un combattente , vediamo il martinista che si accinge al rito, dopo aver indossato la candida tunica, cingersi alla vita il cordone.
Il cordone, quindi, (anch'esso consacrato, al pari dell'alba) può essere associato al combattimento; cingendolo ai fianchi ci isola dalle forze inferiori: anche qui non dobbiamo intendere queste forze come esterne a noi, ma forze che sono all'interno di noi.Il martinista come ogni reale iniziato sa che la visita regale verso la quale è diretto è solo all'interno di se stessi; se non si parte da questo, se si è tentati di credere che solo forze esterne vogliono intralciarci il cammino, si è sotto l'impero dell'illusione.
Noi sappiamo che l'unione verbale che il nostro primitivo femminile (Eva) ebbe con l'allegorico serpente non fece altro che generare il figlio di questa cosa, cioè l'uomo attuale, in grado di ospitare sia il bene, sia il male. Sta a noi scegliere questo o quello, coscienti che ora non siamo tutto bene o tutto male e che conserviamo sempre un po' dell'uno, un po' dell'altro in un rapporto inversamente proporzionale. Noi sappiamo quindi che l'utilità del cordone consiste nel dividere nettamente queste due potenzialità, per evitare la confusione generata dalla commistione delle due qualità della forza una. Quando Ermete Trismegisto suggerisce all'iniziato: 'separerari il sottile dal denso, delicatamente, con grande cura'... fa pensare proprio a questo, al servigio che il cordone rende all'iniziato, poiché le forze inferiori non debbono prevalere sulle parti nobili dell'iniziato, vieppiù quando il voltaggio energetico diviene esponenziale, per via dell'attività rituale, per via dell'immissione in un area sacrale dove ogni cosa ogni atto ogni parola ogni intenzione da parte dell'operatore o di colui che riceve il crisma dell'iniziazione hanno una corrispondenza rigorosamente ineluttabile con i piani sottili, che comunemente vengono chiamati 'mondi'.
Quando il cordone, durante il rito, viene consegnato al neofita, il maestro dice: Prendi questo cordone simbolo di pazienza e di difesa... 'Difesa', perché da quel momento in poi inizieranno le lotte contro le forze che tenteranno di sbarrare il passo a colui che proverà la scalata verso la propria liberazione; 'pazienza', perché una volta intuito il percorso lo si vorrebbe fare tutto di corsa e subito, senza sapere che l'Arte è lunga e la vita è breve (motto alchemico a noi noto).
Cosa ricorda il cordone? Le forze kundaliniche regolate dalla rigidità della forma; le forze che si dipartono dal basso (il maschile e il femminile dei due lembi dell'unico cordone: apparentemente diviso) che si canalizzano circolarmente alla vita, inanellandosi per tre volte nello stadio intermedio tra la vita e la morte: nel corpo dell'uomo precisamente sull'area renale-ombelicale. Ciò rimanda al simbolismo del Giano bifronte: il primo giro si volge verso il basso, il terzo verso l'alto: al centro l'intermedio che comunica con i due: ovvero la linea mediana del Giano che tiene insieme le due cose (la porta del subcosciente e quella del supercosciente) per mezzo di quella cosa una (la porta stretta) che possiamo definire la coscienza ordinaria, destinata per obbligo (quantomeno all'iniziato) al risveglio.